NEWS
30/11/2017

Ciao Mauro, eri uno di noi

Grave lutto per la pallanuoto siciliana: si è spento a 58 anni l'allenatore castellese, plurivittorioso con Orizzonte e Setterosa. Il presidente Parisi: "Orgogliosi di essere stati suoi amici"

Ciao Mauro, eri uno di noi
Era uno di noi. Un amico, un riferimento. Una persona di carisma e spessore umano, ancora prima che tecnico, assoluto. Mauro Maugeri ci ha lasciati a 58 anni, portato via da un brutto male che l’ha sottratto all’affetto dei suoi cari e di chi gli voleva bene.

E come si faceva a non volere bene a Mauro, alla sua genuinità, alla sua ironia, alla sua naturale capacità di instaurare un immediato feeling con il prossimo. Alla sua passione. Quella passione infinita che, pur lasciando intatto il legame forte con la sua Acicastello,  lo aveva portato in giro per il mondo inseguendo l’amore per uno sport, la pallanuoto, da sempre fedele e amata compagna di viaggio.

Potremmo ripercorrere passo dopo passo la straordinaria carriera di Mauro, gli anni da giocatore (Acicastello, Pozzillo, Poseidon), quelli da allenatore di club (Pozzillo, Orizzonte, Poseidon, Mediterraneo, Rasula Alta, ancora Orizzonte, Muri Antichi) e quelli in nazionale (vice di Formiconi ad Atene, commissario tecnico del Setterosa e dell’Olanda). Oppure gli innumerevoli successi (8 scudetti e 6 Coppe dei Campioni con l’Orizzonte, l’oro olimpico con le azzurre nel 2004, gli argenti agli Europei, in Coppa del mondo e nella World League con il Setterosa, il bronzo europeo con l’Olanda).

Noi, però, preferiamo dirgli semplicemente grazie. Grazie per essere stato un modello di entusiasmo. Grazie per l’affetto, sempre ricambiato, che hai riservato al nostro mondo. Grazie per la generosità con cui ti sei speso per le tue squadre, i tuoi atleti, il tuo sport.

“Mauro era una grande persona – ricorda Sergio Parisi, presidente della Federnuoto Sicilia - e un grande allenatore. Le sue qualità umane sono testimoniate dall’affetto che lo ha sempre circondato. Ovunque andasse era benvoluto. A lui mi legano personalmente ricordi dolcissimi come la finale scudetto femminile raggiunta insieme con la Mediterraneo e l’esperienza comune nella Federnuoto: era consigliere regionale in quota tecnici, un incarico che gli era stato assegnato senza pensarci due volte perché sapevamo bene quanto spirito d’iniziativa, quanta competenza e quanto sano coinvolgimento sapeva mettere nelle sue cose. Siamo orgogliosi di averlo avuto con noi. Siamo orgogliosi di essere stati suoi amici”.

Alla moglie Graziella, ai figli Nicoletta (avuta dal matrimonio con Eugenia), Alessandro e Marta vanno le condoglianze di tutto il mondo della Federnuoto Sicilia. I funerali si terranno venerdì, alle 15.30, nella chiesa di San Mauro, ad Acicastello.

 

Articoli correlati

Indietro

Top Prenota un appuntamento a FIN SICILIA